versione accessibile ::
ARCHIVIO
  27/06/2008 13:47


MONTELEONE D’ORVIETO HA IL SUO MUSEO PARROCCHIALE



Monteleone d’Orvieto, edificato intorno alla metà del secolo XI dagli orvietani che si preparavano a fortificare i loro possedimenti, fu un castello dipendente dall’importante comune di Orvieto e, spesso, ne seguì le vicende storiche. Il nome fu un atto di omaggio al pontefice del tempo, Leone IX, amico e protettore di Orvieto. Oggi Monteleone fa parte dell’Archidiocesi metropolitana di Perugia-Città della Pieve per il suo passaggio, avvenuto nel XVII secolo, dall’antica diocesi di Chiusi alla seicentesca di Città della Pieve. Quest’ultima è stata unificata all’Archidiocesi di Perugia nel 1986. La chiesa madre di Monteleone, intitolata agli apostoli Pietro e Paolo, suoi santi patroni, ha origini molto antiche: costruita al centro dell’originario nucleo fortificato sorse, probabilmente, contemporaneamente alla nascita del castello (sec. XI).

            Numerose sono le opere d’arte presenti nelle varie chiese di Monteleone, ad iniziare da quelle della stessa chiesa madre, che fin dalla prima metà degli anni ’70 del secolo scorso, grazie alla sensibilità del parroco dell’epoca, don Alvaro Rossi, si iniziò a pensare di custodirle in un unico luogo, sia per essere più facilmente fruibili che per una loro migliore conservazione e salvaguardia anche da alcuni tentativi di furto. Così iniziò la raccolta e, in collaborazione con la locale “Pro Loco” e con l’aiuto di alcuni volontari, fu realizzata una prima esposizione rimasta tale per lunghi anni perché il progetto di un vero e proprio museo era alquanto arduo.

            Oggi, finalmente, il “sogno” di don Rossi si concretizza: sabato pomeriggio 28 giugno sarà inaugurato ufficiale il Museo parrocchiale di Monteleone, ubicato nella chiesa di Sant’Antonio da Padova. Tre i momenti significativi dell’evento: la S. Messa (ore 17) presieduta dall’arcivescovo mons. Giuseppe Chiaretti; la presentazione del percorso museale (ore 18); l’apertura ufficiale al pubblico (ore 18.30). Presenti all’inaugurazione autorità civili e religiose e rappresentanti del mondo della cultura.

La realizzazione del Museo è opera dell’attuale parroco, don Marco Merlini, che fin dal suo arrivo (2004) ha avuto la felice idea di riprendere il progetto. Incoraggiato dall’arcivescovo mons. Chiaretti nel sostenerlo moralmente e materialmente, don Merlini è riuscito a realizzare un luogo straordinariamente importante per la cultura della comunità di Monteleone. «Le opere che vi sono esposte – spiega Alessandra Tiroli, storica dell’Arte presso la Soprintendenza ai Beni culturali dell’Umbria – raccontano secoli di storia del paese e portano indietro nel tempo facendo riaffiorare la memoria di luoghi scomparsi, di ambienti modificati, di eventi che dimostrano l’importanza che ha avuto la Chiesa di Monteleone nel contesto storico della diocesi di Città della Pieve. La sua peculiarità è quella di essere un documento, un libro che si apre al visitatore e racconta, dietro ad ogni oggetto esposto, un frammento della storia dell’antica comunità di Monteleone».

 

 

LA COLLEZIONE DEL MUSEO PARROCCHIALE DI MONTELEONE D’ORVIETO

(A CURA DI ALESSANDRA TIROLI)

La collezione ospita oggetti e dipinti di grande pregio e valore storico ed artistico. Tra le tele si segnala l’interessante Ultima Cena che, come si legge nell’iscrizione riportata sul foglio qui raffigurato, è datata 1639 e firmata da Ottavio Petrelli di Città della Pieve. Il dipinto nella sua impostazione classicista e nella salda organizzazione centrale, non del tutto scevro da contaminazioni barocche e carvaggesche, denuncia una forte dipendenza dai correnti modelli accademici. La composta concitazione dei dodici sottolinea che il Cristo ha appena pronunciato la fatidica frase "uno di voi mi tradirà": Pietro interroga il maestro e gli altri apostoli si guardano stupiti, Giovanni è addormentato sul braccio di Gesù e Guida, in primo piano, malinconicamente mostra la borsa coi denari. La mensa è ormai quadrata e i commensali sono disposti teatralmente a semicerchio lasciando libero il primo piano che mostra l'agnello sacrificato e quello da sacrificare; sulla quinta due servitori animano la scena: molto forte è il senso dell'attesa.

Più o meno dello stesso periodo è la Crocifissione tra santi, ricostruzione storica (per la presenza della Maddalena, dell’Addolorata e di san Giovanni) e, al contempo, immagine devozionale (per l’aggiunta dei santi Nicola di Bari e Carlo Borromeo –canonizzato da pochi anni, nel 1610-). Il clima è più popolareggiante, anche se si nota una buona traduzione dei modelli dominanti nei centri artistici maggiori. I forti chiaroscuri indicano che il pittore si servì di modelli a stampa che ben evidenziavano i neri delle ombreggiature.

Più sensibile alle suggestioni caravaggesche risulta essere il pittore del Francescano che adora l’Eucarestia. Forse si è voluto ritrarre Pasquale di Baylon, morto nel 1592, beatificato nel 1618 e canonizzato nel 1690, noto col nome di "serafino dell'Eucarestia". Le condizioni della tela sono pessime, tanto che non è possibile distinguere nemmeso l'aureola .

Al tardo Seicento o ai primi del Settecento appartiene la tela con le Stimmate di san Francesco, già attestata in loco nel 1733. Il nuovo ruolo assunto dalla pittura di paesaggio che ebbe una buona tradizione anche a Perugia e nell’intera Umbria, trova qui un’esatta e felice interpretazione.

Le due tele con l’Annunciazione e i dipinti con Sant’Antonio di Padova e la Decollazione del Battista (queste ultime documentate a Monteleone già dal 1733) parlano lo stesso linguaggio accademico diffusosi a cavallo tra il XVII e XVIII secolo: la grazia dei gesti e delle movenze che si ritrovano anche nel sicario, i volti in piena luce e le ombre che nette si stagliano nella parte laterale del viso, l’atteggiamento dei panneggi potrebbero denunciare una medesima paternità.

La donna coronata di stelle e vestita di sole, identificata con la Vergine, ha la luna sotto i suoi piedi e schiaccia il serpente che già aveva tentato Eva. Nuova madre, con la sua Immacolata concezione sconfigge il demonio. Il soggetto, largamente promosso dalla chiesa controriformata secentesca, ebbe una grande rispondenza artistica.

L’acuto Ritratto di Pio V (1566-1572) al secolo Antonio Michele Ghisleri, papa che si impegnò in una solerte riedificazione spirituale e con ferrea volontà impose l’applicazione dei decreti emanati del concilio tridentino è da collocarsi dopo il 1712, data della sua canonizzazione, e da mettersi in relazione con l’intitolazione, proprio in questi anni, di una cappella all’interno della collegiata, precedentemente dedicata a Sant’Isidoro.

La piccola tela raffigurante la Madonna del Buon Consiglio si presenta con la consueta iconografia della Madonna della dolcezza che stringe teneramente il Dio incarnato. La sua datazione, 1755, strettamente legata agli anni dell’intitolazione di una cappella nella chiesa del Crocifisso a tale culto, è da connettersi con l’enorme fortuna della devozione di Maria in questa forma, spiccatamente popolare, che si ebbe nel secolo XVIII.

Chiudono la serie dei dipinti due interessantissimi ex voto realizzati "per grazia ricevuta" nel 1645, dopo la scampata uccisione di alcuni monteleonesi da parte di "sbirri" senesi, e nel 1667, quando a seguito di un crollo, alcuni paesani hanno salva la vita grazie all’intercessione di tre santi. Il pittore, in tono alquanto didascalico, ha ritratto con occhio attento nel primo, la periferia con la chiesa extra urbana del Santissimo Crocifisso e, nel secondo, le vie del castello presumibilmente nei pressi della chiesa di Sant’Antonio, fornendo due interessanti immagini della situazione topografica secentesca di Monteleone. Come negli antichi gonfaloni i luoghi e i fatti dovevano esser perfettamente riconoscibili e identificabili; l’oggetto era strettamente legato all’evento, storico e miracoloso.

Un prezioso Bozzetto di Guglielmo Ascanio realizzato nel 1927 racconta dei lavori apprestati alla collegiata all’inizio del secolo scorso, quando la cripta che ospitava il corpo di san Teodoro, soldato martire cristiano del III-IV secolo, venne interamente decorata. Nella cripta è raffigurato anche sant’Emidio, vescovo di Ascoli e guaritore di infermi, divenuto protettore contro i terremoti a seguito di un violento sisma che nel 1703 sconvolse le Marche ma che risparmiò la città picena. A Monteleone, il 9 maggio 1861 una terribile scossa provocò molti crolli ma nessun morto. La statua in gesso qui esposta è memore del culto ancora vivo nei confronti di questa santo.

Calici del Seicento (tra i quali quello preziosissimo, datato 1606, e firmato da Striscia Lattanzio e quello del 1688); del Settecento (pregiato è quello con data 1723 recante uno stemma e una dedica) e Ottocento; preziosi busti reliquiari della prima metà del Settecento in legno dorato; ostensori, reliquiari, candelabri, croci da mensa, incensieri e soprattutto la preziosa muta di paramenti sacri in seta damascata con ricami a fiorami in filo di seta, d’oro e d’argento del XVIII secolo, danno lustro alla piccola raccolta e illustrano, inequivocabilmente la ricchezza e la potenza del priorato di Monteleone nel corso dei secoli.




15/09/2019 13:21
Cascia: inaugurata la campana della speranza al Centro di Comunità Santa Maria della Visitazione, donata dalla comunità di Castenedolo (BS).


14/09/2019 22:06
Assisi: all’assemblea diocesana il vescovo Sorrentino detta le priorità per una chiesa gioiosa e in uscita e annuncia l’istituzione di una scuola di preghiera al Serafico; domenica 15 settembre celebrazione a San Rufino con l’ordinazione di un nuovo prete


14/09/2019 22:02
Perugia: celebrata la festa della Madonna delle Grazie in cattedrale. Il cardinale Bassetti nell’ordinare diacono il seminarista Alfonso Liguori: «Viviamo in una società sempre più assetata d’amore»


14/09/2019 00:00
Assisi: Assemblea diocesana e consegna del piano pastorale. Ordinazione sacerdotale di don Simone Petrosino domenica 15 settembre nella cattedrale di San Rufino di Assisi


11/09/2019 17:43
Perugia: Al via il nuovo Anno pastorale con la solennità della Madonna delle Grazie e le ordinazioni diaconale (12 settembre) e presbiterale (14 settembre)


10/09/2019 17:17
Perugia: Una festa “speciale” per i primi cinque anni di attività del “Villaggio della Carità” e dell’Emporio della Solidarietà “Tabgha” con numerosi volontari. Il cardinale Bassetti: «La Carità è fantasia»


10/09/2019 16:24
Assisi: giornata diocesana per la salvaguardia del Creato il 18 settembre


09/09/2019 13:10
Assisi: Assemblea diocesana e consegna del piano pastorale il 14 e 15 settembre. Relazione introduttiva da parte dal presidente della Ceu monsignor Renato Boccardo


08/09/2019 22:53
Perugia: l'omelia del cardinale Bassetti pronunciata domenica 8 settembre in occasione del 25° di episcopato in una gremita cattedrale di San Lorenzo. Il porporato ha affidato alla Vergine Maria la protezione di tutte le famiglie, soprattutto «quelle dove mancano pane e lavoro»


08/09/2019 22:45
Spoleto: don Bartolomeo Gladson Sagayaraj nuovo parroco di Cortaccione di Spoleto; il dott. Elio Giannetti Referente diocesano per la tutela dei minori e degli adulti vulnerabili.


06/09/2019 13:07
Assisi: al “Cortile di Francesco” il nuovo progetto dedicato all’Amazzonia con una video proiezione sulla facciata della Basilica del fotografo Salgado il 22 settembre


05/09/2019 18:20
MOZAMBICO: LA VISITA DI PAPA FRANCESCO NEL PAESE SEGNATO DA INGIUSTIZIE E DISUGUAGLIANZE ACUITE DA EMERGENZE CLIMATICHE Prosegue e si intensifica il piano Caritas per la ricostruzione, dopo il ciclone Idai


04/09/2019 17:36
Premio "Lupo di Gubbio" per la riconciliazione al parroco di Lampedusa. Don Carmelo La Magra: «Situazione critica sull'isola. Comunità sotto pressione»


04/09/2019 11:01
Festa per il 25° anniversario di ordinazione episcopale del cardinale Gualtiero Bassetti (8 settembre 1994 - 8 settembre 2019). «Affido al Signore la mia vita e all’intercessione della Beata Vergine Maria, la dolcissima madre di Gesù e madre nostra. Alla luce del suo sorriso è legata la mia vita sacerdotale e di vescovo». Il saluto del vescovo ausiliare mons. Marco Salvi e la lettera di affetto di papa Francesco al cardinale Gualtiero Bassetti, un Pastore «fondato nella carità»


03/09/2019 12:25
Terni: l'emporio solidale della Caritas diocesana aiuta 553 persone grazia al contributo della Fondazione Carit


02/09/2019 12:45
Assisi-Gubbio: pellegrini in cammino. Serata conclusiva con musica e testimonianze


31/08/2019 12:59
Perugia: il secondo anno accademico del Centro teologico diocesano “Leone XIII”


31/08/2019 11:54
Perugia: i primi 100 anni della Festa della Madonna della Misericordia del Santuario di Ponte della Pietra (1919-2019). Il parroco don Fabrizio Crocioni: «Le processioni mariane lungo Via Settevalli segni visibili del modo - necessario per i nostri tempi - di vivere la fede e l’azione pastorale in comunione»


31/08/2019 11:44
Città di Castello: lutto per la morete di mons. Giovanni Bastianoni


30/08/2019 10:46
A ridosso della Giornata nazionale per la custodia del creato e in vista del Sinodo del prossimo ottobre, Caritas Italiana pubblica un dossier con un focus sull’Amazzonia, il polmone della terra da difendere e salvaguardare.


28/08/2019 13:27
Narni - festa al santuario della Madonna del Ponte in onore di Maria


28/08/2019 12:20
Perugia: La vicinanza del cardinale Gualtiero Bassetti ai lavoratori della Centrale Enel di Pietrafitta


27/08/2019 18:20
Assisi: il premio Nobel per la pace Yunus per la lectio magistralis sull'economia circolare. Il 3 settembre alle 21.00 nella Basilica Superiore il premio Nobel parteciperà a “Percorsi Assisi”


26/08/2019 17:59
Assisi: preghiera per la pace per il Ciad il 27 agosto


24/08/2019 11:46
Gubbio: pellegrinaggio Assisi-Gubbio “Il Sentiero di Francesco” dal 1 al 3 settembre


24/08/2019 11:44
Assisi: quinta edizione del Cortile di Francesco. Dal 19 al 22 settembre al Sacro Convento 70 relatori, 42 incontri, musica, arte e video proiezioni


23/08/2019 13:05
Bevagna: festa del beato Giacomo Bianconi. Mons. Boccardo sul terzo anniversario del terremoto: «In fondo, c’è poca differenza e direi c’è la stessa responsabilità morale nel trattenere migranti e profughi su una nave in attesa di un porto sicuro e nell’obbligare tanta gente a vivere fuori dalla propria casa nella precarietà e nell’attesa».


22/08/2019 13:05
Perugia: inaugurato l’Oratorio “Giampiero Morettini” di San Martino in Campo. Il cardinale Bassetti: «L’Oratorio è uno strumento efficace per arrivare a vivere la vita buona del Vangelo».


22/08/2019 12:05
Città di castello - festa della Madonna delle Grazie patrona della città e della diocesi


19/08/2019 12:14
Cortaccione di Spoleto: inaugurato dall’Arcivescovo un prefabbricato che fungerà da luogo di culto per la popolosa frazione spoletina, la cui chiesa è inagibile a seguito dei terremoti del 2016. La preoccupazione del vescovo circa l’attuale incertezza politica «che potrebbe ritardare ulteriormente la ricostruzione post sismica».


18/08/2019 09:40
Montefalco, festa di Santa Chiara della Croce. L’Arcivescovo Boccardo: «Nessuno di noi può portare la croce degli altri, nessuno di noi può portare il male del mondo e rivivere la scena del Calvario di per se stesso; lo possiamo fare soltanto dietro a Gesù». Olio per la lampada votiva offerto dal Comune di Campello sul Clitunno


17/08/2019 12:52
Perugia: inaugurazione dell’Oratorio “Giampiero Morettini” di San Martino in Campo. Il parroco don Antonio Sabatini: «Un luogo di evangelizzazione e aggregazione per giovani, famiglie e comunità»


22/02/2019 18:12
Assemblea Ecclesiale Regionale delle Chiese dell’Umbria. L’Arcivescovo Renato Boccardo: «Sarà un momento di ascolto, di condivisione, di arricchimento vicendevole, convinti che le differenze non sono una minaccia per la nostra identità. Insomma, ci metteremo insieme senza pregiudizi, cercando di cogliere il bene e il bello che c’è in ciascuno, anche in chi non crede».


25/09/2017 12:10
ANNO SCOLASTICO 2017/18: LETTERA APERTA A QUANTI SONO IMPEGNATI NEL MONDO DELLA SCUOLA IN UMBRIA


04/10/2016 07:37
ANNO SCOLASTICO 2016/17: LETTERA APERTA A QUANTI SONO IMPEGNATI NEL MONDO DELLA SCUOLA IN UMBRIA


14/02/2016 23:59
LA “TRE-GIORNI” DEL CARD. BASSETTI IN CALABRIA E CAMPANIA (5/7 MARZO 2016)


02/10/2015 08:53
ANNO SCOLASTICO 2015/16: LETTERA APERTA A QUANTI SONO IMPEGNATI NEL MONDO DELLA SCUOLA IN UMBRIA


04/10/2012 10:41
Concorso scolastico regionale per scuole secondarie di secondo grado "Alle origini dell'avventura cristiana" AGGIORNAMENTO DEL 23/03/2013: I VINCITORI DEL CONCORSO


04/10/2012 10:10
ANNO SCOLASTICO 2012/13: LETTERA APERTA A QUANTI SONO IMPEGNATI NEL MONDO DELLA SCUOLA IN UMBRIA


« Archivio »