versione accessibile ::
NEWS DALLA REGIONE
  25/12/2018 10:22


Terni: celebrazione della Notte di Natale. Mons. Piemontese: “L’annuncio del Natale viene rivolto soprattutto agli ultimi, ai poveri, ai disprezzati, a coloro che non hanno altri appoggi, ai sofferenti, agli immigrati, ai peccatori, a coloro che si sono allontanati da Dio, a coloro che si ritengono irrecuperabili, a quelli che sono privi di speranza”.



Clicca sulla foto per ingrandirla !

Nella celebrazione della notte di Natale nella Cattedrale di Terni, gremita di persone, il vescovo Giuseppe Piemontese ha ricordato la gioia e la speranza che viene dal Natale, la grandezza dell’amore di Dio che diventa uomo e «prende su di sé le qualità, i limiti, le sofferenze e le dinamiche di ogni uomo per farsi vicino, prossimo ad ogni uomo. Sceglie la via e la modalità della normalità, della semplicità e povertà per invitarci all’abbandono completo a Dio». La nascita di Gesù è un evento che ha cambiato la storia, lo spartiacque tra il prima e il dopo di Cristo «l’umanità non è più quella di prima, vedendosi trasformata, nobilitata, santificata, divinizzata».

E poi un monito ai cristiani a vivere pienamente e il mistero del Natale e la sua spiritualità: «Anche quest’anno l’annuncio della nascita di Gesù, si rinnova in un mondo distratto, più dedito al benessere terreno che ai valori dello Spirito e della solidarietà umana. Abbiamo conservato l’involucro del Natale senza la sostanza, l’apparenza senza la realtà, prevale l’indifferenza o il ridurre la fede ad aspetti marginali o irrilevanti per la vita reale».

Ed infine l’invito a vivere il mistero del Natale come «amore incondizionato di Dio. Il messaggio del Natale è qui: Gesù è venuto per farci sentire la vicinanza di Dio, per immergerci tutti nella parentela di Dio. E l’annuncio del Natale viene rivolto soprattutto agli ultimi, ai poveri, ai disprezzati, a coloro che non hanno altri appoggi, ai sofferenti, agli immigrati, ai peccatori, a coloro che si sono allontanati da Dio, a coloro che si ritengono irrecuperabili, a quelli che sono privi di speranza. Non diluiamo la lieta notizia del Natale, dell’incarnazione del figlio di Dio: Dio ama incondizionatamente, perdutamente l’umanità intera, anzi ogni uomo. Lasciamoci guidare da tale amore sconvolgente e gustiamo la gioia di sentirci fratelli di Gesù Cristo».

A conclusione della celebrazione don Carlo Romani parroco emerito della Cattedrale ha formulato gli auguri di un sereno Natale al vescovo a nome della comunità diocesana.

Di seguito l’omelia della notte di Natale:

Questa celebrazione è memoria dell’evento, che ha segnato e inondato la pienezza dei tempi: la nascita di Gesù di Nazaret, figlio di Dio, che ha assunto e rivestito la natura umana nel seno della Vergine Maria. Evento che ha cambiato la storia, spartiacque tra il prima e il dopo di Cristo,principio e fondamento della Chiesa che da Gesù trae vita e splendore. L’umanità non è più quella di prima, vedendosi trasformata, nobilitata, santificata, divinizzata.

A Natale, la Liturgia ci aiuta a prendere consapevolezza di ciò che è accaduto in quella notte e della trasformazione ancora in atto per l’umanità e per ogni uomo.

Ma noi abbiamo dimenticato il senso e la trasformazione operata dalla nascita di Cristo. Abbiamo conservato l’involucro del Natale senza la sostanza, l’apparenza senza la realtà.

In una intervista il filosofo Massimo Cacciari ha detto, sconsolato, che i primi ad aver abolito il Natale sono i cristiani che danno a vedere che il Natale per loro non ha nessuna rilevanza.

In effetti, di fronte alla notizia che Dio si fa uomo, uno o “s’incavola o impazzisce”, invece non succede né l’una né l’altra cosa… perché prevale l’indifferenza o il ridurre la fede ad aspetti marginali o irrilevanti per la vita reale.

Cesare Augusto, imperatore di tutta la terra indice e promuove un censimento. Egli è l’emblema della condizione dell’umanità di quel tempo: umanità soggiogata ad una pace imposta con le armi, nazioni tenute sottomesse con la forza, popolazioni da censire, contare per calcolare la potenziale forza politica, militare ed economica. L’imperatore è elevato a dio, la condizione umana ridotta gente sottomessa e schiavizzata, funzionale alla glorificazione dell’orgoglio umano. Queste sono le grandezze umane, destinate a finire e ad essere destituite dalla forza di un bambino, figlio di Dio che si fa uomo, che viene a proporre un nuovo ordine di relazioni e a ribaltare le potenze umane.

Alla logica del mondo, comincia a subentrare la logica di Dio: i riferimenti sono ai testi sacri, alla storia di Israele, alla Parola di Dio che ha preparato l’evento che sta per accadere.

Giuseppe e Maria, scelti da Dio, accettano liberamente e volentieri di collaborare quali co-protagonisti all’evento divino che deve trasformare la storia. Con la loro semplicità, umiltà, obbedienza e umanità veicolano il disegno di Dio.

Dio, nel suo immenso amore, non solo si relazione all’uomo, si fa bambino e si pone nelle mani dell’umanità. Prende su di sé le qualità, i limiti, le sofferenze e le dinamiche di ogni uomo per farsi vicino, prossimo ad ogni uomo. Sceglie la via e la modalità della normalità, della semplicità e povertà per invitarci all’abbandono completo a Dio.

Che bello sapere che Dio si è fatto uno di noi. Nessun altra religione ci presenta un Dio innamorato dell'uomo come la nostra.

E’ posto in una mangiatoia, quale sapienza si Dio, di cui possiamo vedere il vero volto e che diventa alimento e pane che sostenta e dà la vita vera agli uomini, che di Lui si nutrono. Siamo invitati a riconoscere questo amore di Dio, che si dona all’umanità.

E’ figlio primogenito… quelli che sono consacrati a Dio per richiamare ogni uomo al fatto di essere consacrato a Dio e destinato alla gloria e non alla terra o al disfacimento.

A questo bambino siamo chiamati a dare la nostra adesione di mente, di cuore di volontà.

Nella nostra cultura i pastori, specie quelli del presepio, sono una realtà decorativa e romantica. Ben altro è il messaggio che Gesù, attraverso san Luca vuole darci.

Erano una categoria di persone poco raccomandabili. Spesso erano briganti, assassini, impuri per la religione ufficiale, erano emarginati insieme ai pubblicani, alle prostitute.

Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce come mai. 

Il messaggio del Natale è qui: Gesù è venuto per farci sentire la vicinanza di Dio, per immergerci tutti nella parentela di Dio. E l’annuncio del Natale viene rivolto soprattutto agli ultimi, ai poveri, ai disprezzati, a coloro che non hanno altri appoggi, ai sofferenti, agli immigrati, ai peccatori, a coloro che si sono allontanati da Dio, a coloro che si ritengono irrecuperabili, a quelli che sono privi di speranza.

Non diluiamo la lieta notizia del Natale, dell’incarnazione del figlio di Dio: Dio ama incondizionatamente, perdutamente l’umanità intera, anzi ogni uomo. Lasciamoci guidare da tale amore sconvolgente e gustiamo la gioia di sentirci fratelli di Gesù Cristo.





16/01/2019 13:26
Commissione per la vita consacrata, incontro il 29 gennaio ad Assisi


14/01/2019 23:48
Spoleto: S. Ponziano 2019: Secondi Vespri e processione. L’Arcivescovo: «Ogni anno è una sorpresa e una consolazione celebrare la festa di S. Ponziano. La vostra presenza ci dice quanto sia forte la sua memoria


14/01/2019 17:01
Spoleto, celebrato il solenne Pontificale di S. Ponziano. L’Arcivescovo ha parlato delle ferite del terremoto che «si concretizzano in promesse deluse e in frustranti lentezze burocratiche». Il grazie di mons. Boccardo alla Caritas: «Aiuta non solo i migranti o gli extra-comunitari (come anche qui da noi sostiene qualcuno) ma anche quanti - italiani e spoletini - esperimentano la fatica del vivere quotidiano perché sono scesi sotto la soglia di povertà». L’appello del Vescovo: «Se ognuno di noi desse due o tre ore al mese in qualche iniziativa di volontariato, le nostre città e i nostri paesi cambierebbero volto...».


14/01/2019 13:45
59 giovani umbri parteciperanno alla Giornata Mondiale della Gioventù a Panama. Il presidente della Ceu mons. Renato Boccardo: Per i nostri giovani «tempo di grazia» per essere «di più portatori credibili e testimoni gioiosi del messaggio evangelico per la costruzione della civiltà dell’amore anche in questa nostra regione»


13/01/2019 13:29
La reliquia di S. Ponziano tra i detenuti della casa di Reclusione di Spoleto. L’Arcivescovo: «Per ora siete cittadini di Spoleto ed è giusto che possiate adorare anche voi il Santo patrono attraverso la reliquia. La festa di S. Ponziano ci aiuta a ricordare che siamo figli di Dio, che lui ci vuole bene qualsiasi sia la nostra storia».


11/01/2019 18:13
Papa Francesco a Spello visita a sorpresa il monastero di Santa Maria in Vallegloria e incontra le monache clarisse con le quali celebra la messa e dialoga per l'intera mattinata.


11/01/2019 12:13
Spoleto: festa di S. Ponziano messaggero di misericordia. Prima tappa al Centro di Solidarietà “Don Guerrino Rota”. L’Arcivescovo: «Tutti abbiamo dei fallimenti alle spalle, ma tutti siamo consapevoli che c’è un domani da costruire con le nostre mani».


09/01/2019 16:58
Spoleto: solennità di S. Ponziano 2019: il martire sarà pellegrino di misericordia in tre strutture di recupero e sostegno all’uomo. Arriverà in città per una testimonianza il card. Ernest Simoni dal 1963 al 1991 prigioniero della dittatura albanese in quanto “nemico del popolo”. La processione introitale della Messa del 14 si avvierà dal Palazzo Municipale: la gioia del sindaco de Augustins. Diretta facebook del Pontificale.


06/01/2019 23:41
Perugia: in centinaia alla Sacra rappresentazione dell’arrivo dei magi in cattedrale. Il cardinale Bassetti ai numerosi ragazzi presenti: «Voler bene a tutti è la più grande vittoria della vita, amare e amare sempre»


04/01/2019 20:50
Perugia: il cardinale Gualtiero Bassetti in visita al Centro residenziale di cure palliative “Hospice” dell’Usl 1 Umbria. Il porporato: «Una società che pretendesse di guardare al futuro senza sguardo materno sarebbe miope e basata solo su guadagno, interessi ed egoismi»


01/01/2019 01:32
La celebrazione eucaristica con il canto del Te Deum di Ringraziamento in cattedrale presieduta dal cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti. Il porporato: «L’augurio è che il nuovo anno possa essere per i credenti un tempo propizio a riscoprire le istanze apostoliche della propria fede e per tutta la società perché ritrovi e renda nuovamente fecondi i valori profondi della civile convivenza, che vengono in gran parte dalla tradizione cristiana».


30/12/2018 18:51
Assisi: concerto per il nuovo anno promosso dall'associazione Santo Sepolcro Foligno onlus a sostegno dei bambini di Gerico il 5 gennaio al teatro Metastasio


29/12/2018 17:21
Città di Castello: gli auguri del vescovo Cancian alla comunità ecclesiale per il nuovo anno


25/12/2018 21:13
Perugia: il tradizionale “Pranzo di Natale” offerto dal cardinale Gualtiero Bassetti agli ospiti Caritas. Il presule: «Il Signore benedica questa grande famiglia, che deve sentirsi a casa sua e nella gioia». Affrontati temi quali la lenta ricostruzione delle zone terremotate del Centro Italia e l’immigrazione


25/12/2018 17:24
Spoleto, solenne pontificale di Natale in Duomo. L’Arcivescovo Boccardo: «in questo giorno non possiamo non pensare alle persone maltrattate da mercanti di carne umana senza scrupoli e da leggi discutibili varate di recente...Come discepoli di Gesù, non possiamo rimanere insensibili di fronte a quanti sono abbandonati e lasciati per strada senza nessuna prospettiva di futuro.


25/12/2018 17:15
Terni: pranzo in episcopio con il vescovo e 120 ospiti per una festa familiare e di condivisione


25/12/2018 10:22
Terni: celebrazione della Notte di Natale. Mons. Piemontese: “L’annuncio del Natale viene rivolto soprattutto agli ultimi, ai poveri, ai disprezzati, a coloro che non hanno altri appoggi, ai sofferenti, agli immigrati, ai peccatori, a coloro che si sono allontanati da Dio, a coloro che si ritengono irrecuperabili, a quelli che sono privi di speranza”.


25/12/2018 10:13
Celebrata dal cardinale Bassetti la messa della Notte di Natale nella cattedrale di San Lorenzo. Il porporato: ««Il Natale cristiano viene a ricordarci che il nostro Dio è il Dio della vita, non della morte…»


23/12/2018 18:53
Assisi: emergenza freddo, ospitalità a "Casa papa Francesco". Il vescovo e il direttore della Caritas in visita alle strutture di accoglienza della diocesi


23/12/2018 18:43
Inaugurato presepe dinanzi alla chiesa di S. Salvatore a Campi di Norcia alla presenza dell’Arcivescovo Boccardo, della Soprintendente Mercalli, del Soprintendente speciale Iannelli e del Sindaco Alemanno.


22/12/2018 19:56
Celebrazioni del Natale dei vescovi umbri. Un Natale di solidarietà e vicinanza dei vescovi ai poveri, malati, persone sole, carcerati e pranzo di Natale in episcopio a Perugia e Terni


22/12/2018 18:29
Spoleto: l’arcivescovo ha celebrato la Messa in preparazione al Natale tra i degenti della Struttura Complessa di Riabilitazione Intensiva Neuromotoria di Trevi. Mons. Boccardo si avvicinerà al Natale condividendo momenti di preghiera e fraternità con quanti vivono situazioni di fragilità: le persone accolte dal Centro di Solidarietà “don Rota”, le persone accolte nella casa per anziani di Bevagna, i degenti dell’Hospice di Spoleto. Le celebrazioni del Presule a Spoleto e Norcia.


28/09/2018 08:31
ANNO SCOLASTICO 2018/19: LETTERA APERTA A QUANTI SONO IMPEGNATI NEL MONDO DELLA SCUOLA IN UMBRIA


14/02/2016 23:59
LA “TRE-GIORNI” DEL CARD. BASSETTI IN CALABRIA E CAMPANIA (5/7 MARZO 2016)


04/10/2012 10:41
Concorso scolastico regionale per scuole secondarie di secondo grado "Alle origini dell'avventura cristiana" AGGIORNAMENTO DEL 23/03/2013: I VINCITORI DEL CONCORSO


« Archivio »