versione accessibile ::
Primo piano
  06/11/2018 19:40


II Giornata mondiale dei Poveri. La Conferenza Episcopale Umbra e la delegazione regionale Caritas hanno pubblicato una guida alla riflessione per le Chiese dell'Umbria. Una meditazione in cinque tappe nella settimana precedente alla Giornata. La Delegazione regionale Caritas dell’Umbria fa il punto sul carattere multiforme e dinamico della povertà sul territorio regionale



Clicca sulla foto per ingrandirla !

Si celebrerà domenica 18 novembre 2018 (XXXIII del Tempo Ordinario) la seconda Giornata mondiale dei Poveri, istituita da papa Francesco al termine del Giubileo della Misericordia nel 2016, e dal titolo «Questo povero grida e il Signore lo ascolta» (Sal 34,7).

Le diocesi dell’Umbria e le Caritas diocesane invitano a momenti di preghiera  dal 13 al 17 novembre e meditazione sulle parole di Papa Francesco. A tal proposito è stato pubblicata una Guida alla riflessione per le chiese dell’Umbria (scaricabile nell’allegato)

Domenica 18 novembre 2018, XXXIII del tempo ordinario, la Chiesa celebra la II Giornata Mondiale dei Poveri dal tema “Questo povero grida e il Signore lo ascolta”. Ad iniziare dalla basilica di S. Pietro, dove Papa Francesco celebrerà la Messa, varie sono le celebrazioni previste in ogni angolo del mondo. Questa giornata è l’occasione per la Delegazione regionale della Caritas dell’Umbria di fare il punto sul carattere multiforme e dinamico della povertà nella terra dei Santi Benedetto e Francesco divulgando anche alcuni dati in suo possesso: i “poveri” interpellano ogni giorno i Centri di ascolto e le Opere segno delle Caritas delle otto Chiese umbre.

Nel 2017 cresciuto il numero assoluto dei poveri. «In Umbria – afferma il prof. Marcello Rinaldi, direttore della Caritas di Orvieto-Todi e delegato regionale Caritas - il numero dei poveri assoluti nel 2017 è cresciuto soprattutto per i singoli; per le famiglie, invece, si registra un’inversione di tendenza positiva. La povertà assoluta nella nostra Regione incide in particolare per chi non ha un’occupazione e, soprattutto, per chi non ha cittadinanza italiana. Basti citare il caso che nel centro Italia l’incidenza sull’indice di povertà delle famiglie italiane è del 3%, mentre quella delle famiglie straniere arriva al 23%. Le Chiese umbre, in particolare attraverso i servizi delle Caritas diocesane - centri di ascolto, di accoglienza, mense, empori, ecc… - incontrano i volti di queste persone. Le comunità cristiane offrono uno spazio fisico e un tempo per l’ascolto in cui tentare di dare una risposta ai bisogni primari di sussistenza, cercando di instaurare relazioni di reciprocità per sostenere le loro potenzialità espresse ed inespresse, affinché sia possibile una maggiore autonomia e una migliore dignità di vita».

Crescono le disparità. Il reddito pro-capite in Umbria, dopo gli anni della crisi economica, torna a salire (+2,5%), a fronte però di un calo complessivo, dal 2009, del reddito familiare di 10 punti. Le famiglie il cui capofamiglia è donna o di cittadinanza non italiana sono più svantaggiate. Rilevante anche il livello di istruzione: in media una famiglia di laureati percepisce 44 mila euro, più del doppio rispetto a famiglie dove il principale percettore ha un titolo di studio basso. A fronte di questo miglioramento, crescono tuttavia le disparità: anche in Umbria il 20% più povero della popolazione possiede il 6,3% delle risorse totali; il quinto più ricco, invece, oltre il 40%. Ma accanto a questo, esiste poi una ulteriore categoria che gli studiosi sociali definiscono quella dei “poveri assoluti”, coloro che cioè non arrivano a sostenere quella spesa minima mensile necessaria per acquistare un paniere di beni e servizi che nel contesto italiano è considerato essenziale ad uno standard di vita accettabile.

Nel 2017 nelle Caritas dell’Umbria sono state incontrate oltre diecimila persone in povertà assoluta. Questi i fenomeni che si evidenziano: innanzitutto c’è stato un piccolo calo medio delle persone che si sono rivolte ai centri di ascolto (da 96 del 2016 a 93 del 2017) e una diminuzione delle presenze di immigrati che si attesta intorno al 60%, mentre negli anni precedenti era quasi del 70%. La presenza di persone straniere, comunque, come risulta dall’osservatorio della Caritas, in ampie aree della Regione ha un’incidenza più marcata rispetto al piano nazionale. E ciò implica che queste persone vivono in una condizione particolarmente grave di povertà. Povertà educativa dei minori, povertà economico-occupazionale, povertà abitativa, sanitaria.

Nell’ultimo periodo la Caritas sul territorio regionale ha potenziato i servizi di ascolto, di alloggio, di offerta di beni e di servizi materiali, di consulenze professionali (soprattutto di tipo medico e legale): si pensi, ad esempio, al diffondersi sul territorio regionale di empori per l’offerta gratuita di beni e servizi materiali, con un rilevante valore globale di impatto economico e sociale. 

Nel Messaggio del Papa per questa Giornata si sottolineano in particolare, a partire dal Salmo che gli dà il titolo, tre verbi che caratterizzano l’atteggiamento del povero e il suo rapporto con Dio: "gridare", "rispondere" e "liberare". Nel Messaggio il Papa ricorda inoltre come «in questa Giornata Mondiale siamo invitati a dare concretezza alle parole del Salmo: "I poveri mangeranno e saranno saziati" (Sal 22,27). Sappiamo che nel tempio di Gerusalemme, dopo il rito del sacrificio, avveniva il banchetto. In molte Diocesi, questa è stata un’esperienza che, lo scorso anno, ha arricchito la celebrazione della prima Giornata Mondiale dei Poveri. Molti hanno trovato il calore di una casa, la gioia di un pasto festivo e la solidarietà di quanti hanno voluto condividere la mensa in maniera semplice e fraterna. Vorrei che anche quest’anno e in avvenire questa Giornata fosse celebrata all’insegna della gioia per la ritrovata capacità di stare insieme. Pregare insieme in comunità e condividere il pasto nel giorno della domenica. Un’esperienza che ci riporta alla prima comunità cristiana, che l’evangelista Luca descrive in tutta la sua originalità e semplicità: "Erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere. […] Tutti i credenti stavano insieme e avevano ogni cosa in comune; vendevano le loro proprietà e sostanze e le dividevano con tutti, secondo il bisogno di ciascuno" (At 2,42.44-45).

Messaggio del Papa per la II giornata mondiale dei poveri-2018

Le iniziative della Caritas di Foligno


Allegato:
Giornata dei poveri - guida alla riflessione per le chiese dell'Umbria.pdf


06/11/2018 19:40
II Giornata mondiale dei Poveri. La Conferenza Episcopale Umbra e la delegazione regionale Caritas hanno pubblicato una guida alla riflessione per le Chiese dell'Umbria. Una meditazione in cinque tappe nella settimana precedente alla Giornata. La Delegazione regionale Caritas dell’Umbria fa il punto sul carattere multiforme e dinamico della povertà sul territorio regionale


24/10/2018 12:31
Lutto per la morte di mons. Pellegrino Tomaso Ronchi, vescovo emerito di Città di Castello. La celebrazione esequiale si terrà venerdì 26 ottobre alle ore 10 nella Cattedrale di Città di Castello. La salma sarà successivamente tumulata nella Cripta del Duomo. Il cordoglio dei Vescovi umbri.


24/10/2018 12:31
Lutto per la morte di mons. Pellegrino Tomaso Ronchi, vescovo emerito di Città di Castello. La celebrazione esequiale si terrà venerdì 26 ottobre alle ore 10 nella Cattedrale di Città di Castello. La salma sarà successivamente tumulata nella Cripta del Duomo.


19/10/2018 23:52
Intervento del cardinale Gualtiero Bassetti al Sinodo dei giovani riflettendo sui nuovi santi Paolo VI e l’arcivescovo Oscar Romero: «Maestri perché testimoni». «Hanno dato al Sinodo sui giovani un significato ulteriore compiendo la scelta coraggiosa di rischiare»


01/01/2018 18:19
Perugia: saluto per il nuovo anno del cardinale Gualtiero Bassetti. «Tre verbi su cui fare discernimento: Sciupare, amare, fare…Alle parole devono seguire i fatti, perché così ha amato Gesù»


14/02/2016 23:59
LA “TRE-GIORNI” DEL CARD. BASSETTI IN CALABRIA E CAMPANIA (5/7 MARZO 2016)


« Archivio »