versione accessibile ::
Primo piano
  30/03/2018 13:22


Venerdì Santo: Il cardinale Gualtiero Bassetti offre una riflessione su “La croce sintesi di tutto” per il settimanale de «L’Osservatore Romano». «C’è un verbo che sintetizza meglio di altri questo amore infinito: consegnare. Il Padre consegna il figlio per amore. Il Figlio dà tutto sé stesso: si consegna agli apostoli; al sinedrio; fino a consegnarsi a chi lo inchioda sulla croce».



Clicca sulla foto per ingrandirla !

«La croce è senza dubbio il culmine dell’amore di Dio». Lo scrive il cardinale arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, nel suo articolo dal titolo “La croce sintesi di tutto”, per Il Settimanale de «L’Osservatore Romano» in edicola Venerdì Santo 30 marzo. «Ma c’è un verbo – prosegue il presule – che sintetizza meglio di altri questo amore infinito: consegnare. Il Padre consegna il figlio per amore. Il Figlio dà tutto sé stesso: si consegna agli apostoli; al sinedrio; fino a consegnarsi a chi lo inchioda sulla croce».

La Trinità del Masaccio.

«E tutto questo in un dolore atroce – evidenzia il cardinale –, razionalmente incomprensibile per gli uomini. Ma sulla croce non c’è solo il Figlio con tutto il suo amore umano e divino: c’è anche il Padre e lo Spirito santo. È l’immagine della Trinità raffigurata del Masaccio nella chiesa di Santa Maria Novella a Firenze: dove c’è il crocifisso, c’è anche il Padre che regge la croce con le stesse espressioni del Figlio. Il ricordo dell’affresco del Masaccio mi ha accompagnato negli ultimi giorni dove ho toccato con mano la sofferenza degli uomini in due occasioni».

Le croci della Siria e dell’Iraq.

«Presentando a Roma alcune opere di carità per la Siria – racconta Bassetti –, sono rimaste dentro di me, come degli aculei, le parole del cardinale Zenari, nunzio apostolico, rappresentante pontificio in quel paese martoriato dalla guerra: “La Siria è un inferno sulla terra”, un luogo dove si sta compiendo una drammatica “strage degli innocenti”. La morte prodotta dalle armi si combina tragicamente con la morte morale della disperazione quotidiana: ad Aleppo vivono migliaia di bambini “randagi”, senza genitori, abbandonati da tutti e che muoiono per il freddo, la fame e l’assenza di cure. Qualche giorno dopo sono stato in Libano dove ho incontrato alcune famiglie irachene e siriane. Anche in quell’occasione si è stagliata davanti ai miei occhi la sofferenza innocente di un’infanzia violata e negata dall’avidità dei potenti».

La tragedia degli uomini che si dividono in nome del potere.

«Quando si guarda un bimbo di tre anni che ha delle occhiaie nere incavate come un vecchio moribondo e che non è più capace di un sorriso – commenta il cardinale –, si ha la sensazione di guardare l’abisso funereo della tragedia umana: la tragedia degli uomini che si dividono in nome del potere, che combattono delle guerre fratricide e che distruggono ogni forma di umanità».

La croce, l’albero della nostra salvezza, la Pasqua del Signore crocifisso.

«Questa tragedia è la sofferenza degli uomini sulla croce – conclude il porporato –. Ma proprio quella croce, quel segno di infamia e di dolore, è ormai diventata la croce gloriosa con il sacrificio di Gesù. Nonostante tutte le sofferenze, la croce è il segno dell’amore infinito di Dio per gli uomini, è l’albero della nostra salvezza, come scrivevano i padri della Chiesa, è la Pasqua del Signore crocifisso e morto per noi, del Signore risorto. È un tempo di festa e di speranza perché, come scriveva don Primo Mazzolari, “finalmente usciamo incontro alla primavera” e “incontro alla vita che è Cristo”».




18/01/2019 12:36
Liberi e forti. L'attualità del pensiero di Sturzo consiste, secondo il cardinale Gualtiero Bassetti, nel «contribuito fondamentale a costruire l’Italia contemporanea e a formare una civiltà basata sull’umanesimo cristiano»


14/01/2019 17:01
Spoleto, celebrato il solenne Pontificale di S. Ponziano. L’Arcivescovo ha parlato delle ferite del terremoto che «si concretizzano in promesse deluse e in frustranti lentezze burocratiche». Il grazie di mons. Boccardo alla Caritas: «Aiuta non solo i migranti o gli extra-comunitari (come anche qui da noi sostiene qualcuno) ma anche quanti - italiani e spoletini - esperimentano la fatica del vivere quotidiano perché sono scesi sotto la soglia di povertà». L’appello del Vescovo: «Se ognuno di noi desse due o tre ore al mese in qualche iniziativa di volontariato, le nostre città e i nostri paesi cambierebbero volto...».


11/01/2019 18:13
Papa Francesco a Spello visita a sorpresa il monastero di Santa Maria in Vallegloria e incontra le monache clarisse con le quali celebra la messa e dialoga per l'intera mattinata.


01/01/2019 01:32
La celebrazione eucaristica con il canto del Te Deum di Ringraziamento in cattedrale presieduta dal cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti. Il porporato: «L’augurio è che il nuovo anno possa essere per i credenti un tempo propizio a riscoprire le istanze apostoliche della propria fede e per tutta la società perché ritrovi e renda nuovamente fecondi i valori profondi della civile convivenza, che vengono in gran parte dalla tradizione cristiana».


25/12/2018 10:13
Celebrata dal cardinale Bassetti la messa della Notte di Natale nella cattedrale di San Lorenzo. Il porporato: ««Il Natale cristiano viene a ricordarci che il nostro Dio è il Dio della vita, non della morte…»


22/12/2018 19:56
Celebrazioni del Natale dei vescovi umbri. Un Natale di solidarietà e vicinanza dei vescovi ai poveri, malati, persone sole, carcerati e pranzo di Natale in episcopio a Perugia e Terni


14/02/2016 23:59
LA “TRE-GIORNI” DEL CARD. BASSETTI IN CALABRIA E CAMPANIA (5/7 MARZO 2016)


« Archivio »