versione accessibile ::
Primo piano
  02/03/2018 11:35


Giornata di formazione per animatori della Liturgia “Lo Spirito della Liturgia: il giorno del Signore”. Mons. Piemontese: "l’obiettivo di sostenere gli Uffici liturgici diocesani nell’impegno di aggiornamento e di rinnovamento liturgico nel contesto più ampio di comunione e di condivisione delle specifiche tradizioni delle singole Chiese". Don Busani: "La domenica schiude spazi aperti alle relazioni e in particolare alla relazione con Dio”



Clicca sulla foto per ingrandirla !

Domenica 18 febbraio presso il santuario dell’Amore Misericordioso di Collevalenza, si è tenuta la giornata regionale per la formazione degli animatori della Liturgia promossa dalla Commissione regionale per la Liturgia della Conferenza episcopale umbra. “Lo Spirito della Liturgia: il giorno del Signore” è il tema sul quale si sono confrontati  circa 300 rappresentanti delle otto diocesi umbre: sacerdoti e diaconi, religiosi e religiose, animatori della liturgia e operatori pastorali..

La giornata di formazione è stata aperta da mons. Giuseppe Piemontese vescovo di Terni-Narni-Amelia e delegato della Conferenza Episcopale umbra per la Liturgia, che ha ricordato il cammino fatto dalla commissione che ha predisposto tre moduli formativi in tre anni: il primo “Lo spirito della Liturgia: Il giorno del Signore”, il secondo dedicato alla “Proclamazione della Parola di Dio”, avendo come destinatari i lettori e i Ministri della Parola e il terzo che ha come tema “Ministeri di fatto e animazione liturgica” coinvolgendo cantori, musicisti e ministranti. “La Commissione regionale per la Liturgia si pone al servizio delle Chiese d’Umbria – ha detto mons. Piemontese - con l’obiettivo di sostenere gli Uffici liturgici diocesani nell’impegno di aggiornamento e di rinnovamento liturgico nel contesto più ampio di comunione e di condivisione delle specifiche tradizioni delle singole Chiese. Ci anima la presunzione di fungere da collante tra i vari settori pastorali e di dare anima al cammino di fede e alla testimonianza cristiana nella nostra terra. In tale prospettiva si potrà valutare una maggiore collaborazione interdiocesana e un lavoro sinergico tra le commissioni Liturgia, catechesi e Carità”.

E’ seguita poi la catechesi di mons. Giuseppe Busani, liturgista della diocesi di Piacenza-Bobbio, già direttore dell'Ufficio Liturgico Nazionale che ha approfondito i temi della domenica in tutta la pienezza di cristiana umanità, ossia della celebrazione come azione, come momento della vita in cui si svela la vita di Gesù. La celebrazione come opera effettiva di Dio che si dona e che stabilisce un contatto con l’uomo nel corpo di Gesù. “Nella celebrazione il centro è Gesù che deve essere per tutti e nella ripetizione dei segni è la possibilità che è data ai credenti di attingere alla sorgente di nuovo ogni domenica, ed è quindi una benedizione per noi – ha detto don Busani -. L’azione liturgica brilla per sublime essenza, perché vale in se stessa come ogni opera bella. E’ un momento gioioso, di festa, questo il suo senso e in questo il suo valore” . Un dono che è essenzialmente relazione, e dono di un tempo, di un giorno e non di uno spazio. “Gesù passa a noi attraverso il dono di sé, costruendo un tempo, il giorno del Signore che è la prima basilica per fare festa, è un momento di vita dove non ci sono condizioni”. “L’eucarestia ci attende, è data senza che porti qualcosa in cambio, ma evidenzia la voglia di relazione e dell’incontro con il Signore – ha concluso -. La domenica si è come invitati ad un banchetto, si è attesi, desiderati, cercato e chi accetta, accetta di ricevere vita da chi lo invita. La domenica schiude spazi aperti alle relazioni e in particolare alla relazione con Dio”.

La seconda parte del pomeriggio è stata dedicata a brevi testimonianze tematiche sulle modalità di celebrare e su esperienze da condividere. “Il Giorno del Signore e famiglia” è stata la testimonianza portata da un gruppo di preghiera in famiglia della diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino che hanno organizzato gruppi di famiglie spirituali, unite in Gesù, che si ritrovano per condividere momenti di preghiera intorno alla Parola e approfondire il Vangelo della domenica. “Il Giorno del Signore e carità” è stata la testimonianza di Elisabetta della diocesi di Spoleto-Norcia che ha raccontato la sua difficle esperienza di malattia nella quale ha trovato sostegno in tante persone della parrocchia e così ha riscoperto la bellezza e importanza di essere parte di una comunità e del mettersi al servizio della chiesa e dei più bisognosi. “Il Giorno del Signore e.catechesi” è stata la testimonianza di don Sergio e don Stefano della diocesi di Terni-Narni-Amelia che hanno evidenziato l’importanza della ministerialità nella Chiesa e del cammino insieme dei vari ambiti ecclesiali. Importante è curare la liturgia nei suoi diversi segni sui quali si può improntare anche la catechesi dei ragazzi e degli adulti, facendo comprendere l’importanza di quello che viene celebrato nella liturgia domenicale. Una proposta è stata quella di rivalutare la celebrazione del sabato sera per dare la possibilità a quanti la domenica hanno impegni di vivere l’incontro con il Cristo nella liturgia.




21/09/2018 18:04
Perugia: “Contrasto alla povertà. L’impegno della Caritas”, il Terzo Rapporto a cura dell’Osservatorio diocesano sulle povertà e l’inclusione sociale. «L’analisi dei bisogni compiuta in questo Terzo Rapporto – ha evidenziato durante la presentazione il prof. Grasselli – conferma l’importanza di un’offerta articolata ed appropriata di servizi, e in primo luogo di servizi pubblici, collegati in un’efficace rete territoriale, curandone dotazione, accesso e fruibilità.


23/08/2018 17:15
«Occorre ripensare l’Italia e in qualche misura rifarla». La riflessione del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, a seguito dei tragici fatti di Genova, raccolta sulle colonne de «L’Osservatore Romano, dal titolo “Fra due sponde”, in edicola venerdì 24 agosto


01/01/2018 18:19
Perugia: saluto per il nuovo anno del cardinale Gualtiero Bassetti. «Tre verbi su cui fare discernimento: Sciupare, amare, fare…Alle parole devono seguire i fatti, perché così ha amato Gesù»


14/02/2016 23:59
LA “TRE-GIORNI” DEL CARD. BASSETTI IN CALABRIA E CAMPANIA (5/7 MARZO 2016)


« Archivio »