versione accessibile ::
NEWS DALLA REGIONE
  16/06/2017 17:28


“Quel sacchetto di lenticchie”. La riflessione del cardinale Gualtiero Bassetti, sulle colonne de Il Settimanale de «L’Osservatore Romano», dedicata alla visita di papa Francesco al Quirinale. Il porporato: «I bambini delle zone terremotate, che avevano in mano le foto delle proprie città e il sacchetto di lenticchie, aspettano delle risposte»



Clicca sulla foto per ingrandirla !

«C’è un’immagine dell’ultima visita del Papa al Quirinale che mi porto nel cuore. I bambini delle zone terremotate dell’Italia centrale che hanno incontrato Francesco nei giardini del Quirinale avevano con sé dei doni di grande significato: alcuni delle foto e dei quadri dei propri splendidi paesi prima che il sisma li distruggesse; una bambina aveva invece in mano un sacchetto di lenticchie, quasi a ricordare che la terra prima di essere dispensatrice di dolore è anche madre, donatrice di vita e di speranza». Così il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, apre la sua riflessione ospitata nella rubrica “Dialoghi” de Il Settimanale de «L’Osservatore Romano» in edicola il 16 giugno, consultabile anche sul sito: www.osservatoreromano.it . In questo stesso giorno il porporato sarà a Norcia, all’inaugurazione del primo dei cinque Centri di Comunità realizzati con il sostegno della Caritas italiana nei luoghi dell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia colpiti dal recente terremoto. I Centri di Comunità sono segni di speranza, di vicinanza concreta alla popolazione per contribuire alla ripresa di una sua “normale” vita pastorale e sociale.

 

Saper spendersi per le priorità irrinunciabili per l’intero Paese.

«La speranza – prosegue il cardinale – è una delle parole più importanti evocate dal Pontefice nell’incontro con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Questa speranza è stata resa visibile dai doni di quei bambini, che con la loro semplicità hanno ricordato a tutti che l’Italia, nonostante le ferite e nonostante le difficoltà, possiede la forza e lo spirito per superare anche le avversità più dolorose. E la stessa speranza scaturisce dall’incontro al Quirinale che è frutto, come è stato detto, di “una laicità non ostile e conflittuale, ma amichevole e collaborativa”. Questo è uno snodo decisivo. Nel rispetto reciproco di ogni istituzione, civile e religiosa, è fondamentale che esista uno spirito di collaborazione tra tutte le persone di buona volontà “per la promozione dell’uomo e il bene del Paese”. Mai come oggi la “nostra diletta Italia”, come la definì più di cento anni fa Benedetto XV ha bisogno di tutti gli uomini e di tutte le donne che sappiano spendersi per ciò che potremmo definire le priorità irrinunciabili per l’intero Paese».

 

Saper leggere la storia perché non è più tempo di promesse irrealizzabili o mascherare le proprie incapacità.

Soffermandosi sul discorso di papa Francesco al Quirinale, il porporato ricorda che il Santo Padre «ha tracciato una strada indicando almeno quattro questioni fondamentali: il terrorismo, le migrazioni, il lavoro, la famiglia. Quattro temi in cui la dimensione nazionale e quella internazionale si fondono insieme in uno scenario di grande complessità. E soprattutto quattro priorità fondamentali che non possono essere ridotte a banali chiacchiere da osteria dove i pareri dei commensali variano a seconda di chi alza più la voce. Al centro di queste questioni è in gioco, infatti, il destino di una comunità e di tutte le persone che ne fanno parte. Non si tratta, dunque, soltanto di riuscire a intuire gli umori della piazza per acquisire consenso e potere ma, al contrario, di saper cogliere quella che La Pira chiamava la “storiografia del profondo”: ovvero di saper leggere la storia. E oggi la storia ci dice chiaramente che non soltanto non è più tempo di promesse irrealizzabili o di miraggi fantasiosi, ma che è profondamente inutile e dannoso continuare a evocare paure ataviche o a individuare capri espiatori a cui addossare la colpa per mascherare, troppo spesso, le proprie incapacità».

 

Responsabilità e concretezza nel delineare un cammino comune, necessario e doveroso per il futuro dell’Italia.

«Oggi è il momento della responsabilità e della concretezza – evidenzia il cardinale Bassetti concludendo la sua riflessione –. Chi non si assume questa responsabilità con coraggio e dedizione totale al bene comune non può aspirare a rappresentare un grande paese come l’Italia. Pertanto, delineare con nettezza quali sono le priorità irrinunciabili per il paese non è certamente un esercizio retorico ma è solo l’inizio di un cammino comune, necessario e doveroso, per il futuro dell’Italia. Un cammino che, però, non può non partire dalle popolazioni colpite dal terremoto. Quei bambini riuniti nei giardini del Quirinale che avevano in mano le foto delle proprie città e il sacchetto di lenticchie aspettano delle risposte».




22/08/2017 19:33
A Gubbio il sentiero di Francesco e la XII giornata per la custodia del Creato il 1-2-3- settembre


21/08/2017 20:00
Ad Assisi la sedicesima edizione del "Cortile di Francesco". Dal 14 al 17 settembre nella Basilica di San Francesco conferenze e workshop, al via le iscrizioni.


12/08/2017 19:04
Assisi: nella solennità di San Rufino monsignor Sorrentino annuncia la seconda visita pastorale e lancia un messaggio ai potenti del mondo; il 15 agosto rosario per la pace al Santuario della Spogliazione


11/08/2017 16:07
Il cardinale Gualtiero Bassetti su Il Settimanale de «L’Osservatore Romano» interviene sul «Fattore famigliaIl rapporto tra lavoro e vita di coppia «è un tema centrale — pastorale, culturale e politico per l’Italia di oggi e per quella di domani».


10/08/2017 19:16
Santa Maria degli Angeli; percorso di formazione per famiglie "Mysterium familiae" dal 27 agosto al 2 settembre


03/08/2017 13:24
L’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo in visita in Calabria dal 5 al 9 agosto, nell’anno delle reliquie di santa Rita da Cascia a Montegiordano nella Diocesi di Cassano all’Jonio. Incontrerà devoti della Santa dei “casi impossibili” e quanti sono stati solidali con la popolazione terremotata della sua Diocesi a quasi un anno dal sisma


03/08/2017 13:12
Assisi: celebrata la festa del Perdono con la presenza del cardinale Parolin e il cardinale Bassetti: il Perdono di Assisi, dono per i poveri


26/07/2017 18:47
"Dacci oggi il nostro amore quotidiano”, a Trevi (PG) con la Casa della Tenerezza per riflettere e camminare alla luce dell’Amoris Laetitia. Dal 17 al 20 Agosto un seminario dedicato alle coppie nella splendida cornice del cuore verde d’Italia.


26/07/2017 09:31
Capitolo dei Piccoli fratelli di Jesus Caritas: eletto il nuovo Priore Generale, Fr. Paolo Maria Barducci


08/01/2017 23:20
Assisi: nasce il santuario della Spogliazione. La Chiesa di Santa Maria Maggiore luogo privilegiato per il discernimento vocazionale. La lettera del vescovo Sorrentino


14/02/2016 23:59
LA “TRE-GIORNI” DEL CARD. BASSETTI IN CALABRIA E CAMPANIA (5/7 MARZO 2016)


06/10/2013 10:45
IL 31 MAGGIO 2014 LA BEATIFICAZIONE DI MADRE SPERANZA DELL’AMORE MISERICORDIOSO DI COLLEVALENZA. L’ANNUNCIO IL GIORNO DOPO DELLA STORICA VISITA DI PAPA FRANCESCO AD ASSISI
Papa Francesco ha fatto un bellissimo dono all’Umbria a 24 ore dalla sua storica visita ad Assisi, quello di aver concesso che la celebrazione del Rito di Beatificazione della Venerabile Serva di Dio Madre Speranza di Gesù (1893-1983), fondatrice della Congregazione dell’Amore Misericordioso, abbia luogo nel Santuario di Collevalenza sabato 31 maggio 2014, dove riposano le sue spoglie mortali da trent’anni


04/10/2012 10:41
Concorso scolastico regionale per scuole secondarie di secondo grado "Alle origini dell'avventura cristiana" AGGIORNAMENTO DEL 23/03/2013: I VINCITORI DEL CONCORSO


« Archivio »