versione accessibile ::
NEWS DALLA REGIONE
  13/04/2017 13:25


Al passo del più debole. La Pasqua nel ricordo di don Mazzolari: un prete vicino agli ultimi che considerava la Chiesa una comunità e “un’ambulanza per chi cade”. A parlarne sulle colonne de «L’Osservatore Romano», in edicola oggi 13 aprile, è il Cardinale Gualtiero Bassetti



Il cardinale arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Gualtiero Bassetti offre in questa Settimana Santa una riflessione molto attuale del Cristo crocifisso, facendo memoria di una delle Sette parole di Pasqua di don Primo Mazzolari morto 58 anni fa, il 12 aprile 1959; riflessione ospitata, con il titolo “Al passo del più debole”, sulle colonne de «L’Osservatore Romano» oggi in edicola (13 aprile) e consultabile sul sito: www.osservatoreromano.va.

            «Don Primo Mazzolari – ricorda Bassetti – è stato una di quelle grandi figure di sacerdoti che hanno popolato la Chiesa italiana nel Novecento lasciando un segno profondo. Incompreso, perseguitato, amato, il parroco di Bozzolo è stato, ed è tuttora, una testimonianza autentica di fede e un crocevia di esperienze e idee». Nel rileggere una meditazione di don Mazzolari, il porporato perugino resta colpito di come questo grande sacerdote «raccontava il Cristo crocifisso e apriva al mistero glorioso della risurrezione». Per don Mazzolari, evidenzia il cardinale, «il crocifisso “è l’offerta piena. Non si è tenuto niente, né un lembo di veste, né una goccia di sangue, né la Madre. Ha dato tutto: consummatum est”».

«Oggi si moltiplicano i crocifissi – scrive Bassetti –. I cristiani copti trucidati nelle chiese in Egitto; le vittime inermi di un terrorismo fanatico che uccide a Stoccolma come in Nigeria; i bambini, le donne e gli uomini senza nome che perdono la vita nella disperata ricerca di una terra che li accolga. Sono tutti morti innocenti e crocifissi: sono gli “sconfitti della vita” come li chiamava Giovanni Paolo II. Per tutti costoro, Gesù morendo in croce e risorgendo, scriveva Mazzolari, ha tracciato “un inno di gloria avviato dalle Mani di una madre”. E in questo amore totale e gratuito si può cogliere la speranza. “L’Amore non è colui che dà - continuava - ma Colui che viene” e che può nascere in una stalla e morire sul Calvario “perché mi ama”».

Don Mazzolari fu definito da Paolo VI un «profeta», ma, come ricorda lo stesso Bassetti, «Mazzolari è stato molte cose assieme: il saggista e il testimone, il cantore della speranza e l’amico della povera gente, il pastore d’anime e, soprattutto, il parroco. Il parroco di Bozzolo. Il sacerdote che esprimeva un’idea di Chiesa che si sintetizzava nel concetto di comunità. Una comunità di uomini e donne al cui centro risiedeva Cristo. Lontanissimo da lui risiedevano le strutture e ogni forma di potere. Unico punto di partenza erano infatti i poveri. “Non avrei mai pensato - diceva don Mazzolari - che in terra cristiana, con un Vangelo che incomincia con ‘Beati i poveri’, il parlar bene dei poveri infastidisse tanta gente, che pure è gente di cuore e di elemosina”. Parole che sono ancora oggi attualissime. La povertà è una questione profondissima che investe la fede e che si riflette anche nel modo di vivere la Chiesa».

Avviandosi alla conclusione, il cardinale Bassetti si sofferma sulla «cura degli ultimi» di don Mazzolari, che «è uno snodo decisivo del suo essere Chiesa. La parrocchia, infatti, era per lui una “comunità che non può avere il passo delle élite” ma che, al contrario, cammina col passo del più debole. La parrocchia ha “un passo cadenzato e stanco, misurato sugli ultimi più che sui primi”. In altre parole, per Mazzolari la parrocchia, o meglio, la Chiesa, anticipando l’ospedale da campo evocato da Papa Francesco, non è altro che “l’ambulanza per chi cade”».




21/02/2018 19:43
Perugia, l’arcivescovo di Bologna mons. Matteo Zuppi ai sacerdoti perugino-pievesi: «I sacerdoti non devono mai essere né burocrati né funzionari, perché l’Amore e la Carità non possono essere ridotte a burocrazia e a funzione»


21/02/2018 16:28
L’Istituto di Scienze Religiose di Assisi (ISSRA) ha un nuovo direttore: Suor Roberta Vinerba, la prima donna chiamata a tale significativo incarico dai Vescovi umbri. La religiosa francescana diocesana perugina: «Sono onorata di questo servizio a favore della formazione dei laici»


19/02/2018 11:35
Giornata di formazione per animatori della Liturgia “Lo Spirito della Liturgia: il giorno del Signore”. Mons. Piemontese: "l’obiettivo di sostenere gli Uffici liturgici diocesani nell’impegno di aggiornamento e di rinnovamento liturgico nel contesto più ampio di comunione e di condivisione delle specifiche tradizioni delle singole Chiese". Don Busani: "La domenica schiude spazi aperti alle relazioni e in particolare alla relazione con Dio”


13/02/2018 18:30
Firmato Protocollo d’intesa per la ricostruzione della Basilica di S. Benedetto di Norcia


11/02/2018 20:12
TERNI: CELEBRATO IL PONTIFICALE DI SAN VALENTINO. MONS. PIEMONTESE: “SOLO LA LEALE PARTECIPAZIONE E FORTE COLLABORAZIONE DEMOCRATICA DI TUTTE LE COMPONENTI CIVILI POTRÀ RISOLVERE I PROBLEMI PRESENTI E RIDARE SPERANZA E A QUESTA CITTÀ”


10/02/2018 17:21
Assisi: celebrazioni della Quaresima nella basilica di Santa Maria degli Angeli


07/02/2018 23:06
Collevalenza: celebrazioni nell'anniversario della morte di Madre Speranza dal 7 all'11 febbraio


04/02/2018 17:56
Giornata di formazione degli animatori della Liturgia a Collevalenza il 18 febbraio


01/02/2018 13:35
Al Centro Familiare Casa della Tenerezza di Perugia convegno “Famiglie di origine, limite o risorsa per la coppia?" il 10 E 11 febbraio


30/01/2018 10:55
Perugia, Solennità del Santo patrono Costanzo: La concelebrazione eucaristica in cattedrale presieduta dal cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti. Il porporato: «E’ necessario ritornare alle nostre radici» ed «essere sentinelle della propria fede»


24/01/2018 18:08
FESTA PATRONO GIORNALISTI CELEBRATA AL SACRO CONVENTO DI ASSISI. IL CUSTODE SOTTOLINEA IMPORTANZA LAVORO OPERATORI COMUNICAZIONE


23/01/2018 22:06
Perugia: “Comunicare il bene”. Incontro degli operatori dei media perugini con il cardinale Gualtiero Bassetti nella ricorrenza della festa del Santo patrono Francesco di Sales. Presentazione alla stampa del Report finanziario con relazione di impatto sociale 2015-2017 del “Progetto diocesano per l’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale”


09/01/2018 13:43
Papa Francesco conferma mons. Boccardo membro della Congregazione delle Cause dei Santi


14/02/2016 23:59
LA “TRE-GIORNI” DEL CARD. BASSETTI IN CALABRIA E CAMPANIA (5/7 MARZO 2016)


04/10/2012 10:41
Concorso scolastico regionale per scuole secondarie di secondo grado "Alle origini dell'avventura cristiana" AGGIORNAMENTO DEL 23/03/2013: I VINCITORI DEL CONCORSO


« Archivio »